Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Xagena Mappa

Sarilumab, un anticorpo anti-IL6R, induce alte risposte nei pazienti con artrite reumatoide


Sarilumab, un anticorpo monoclonale diretto contro la subunità alfa del recettore della interleuchina-6 ( IL-6 ), ha prodotto un elevato livello di risposta clinica tra i pazienti con artrite reumatoide in forma moderata-grave.

In uno studio di fase III, il 58% dei pazienti trattati con Metotrexato più Sarilumab 150 mg ogni 2 settimane e il 66% di quelli trattati con 200 mg ogni 2 settimane hanno presentato un miglioramento del 20% nei criteri di risposta dell'American College of Rheumatology ( ACR20 ) alla settimana 24, rispetto al 33% di quelli trattati con placebo ( p inferiore a 0.0001 per entrambi i dosaggi ).

Sempre alla settimana 24, il 37% dei pazienti trattati con la dose più bassa e il 46% di quelli con la dose più alta di Sarilumab sono andati incontro a una risposta ACR50 versus il 17% di quelli trattati con placebo ( p inferiore a 0.0001 per entrambi ).

Lo studio ha arruolato 1.200 pazienti con malattia attiva che avevano in precedenza avuto una risposta inadeguata al Metotrexato.
L’età media dei partecipanti era di 51 anni, e la durata della malattia era di 9 anni. La maggior parte dei pazienti era di sesso femminile.
L’85% dei pazienti era positivo per il fattore reumatoide.
IL numero medio di articolazioni dolenti era 26, la conta delle articolazioni tumefatte era di 17 anni, e il livello di proteina C-reattiva era 2.2 mg/dL.

Alla settimana 24, le risposte ACR70 sono state osservate nel 20% e nel 25% dei gruppi 150 mg e 200 mg di Sarilumab, rispetto al 7% del gruppo placebo ( p inferiore a 0.0001 per entrambi ).

Una risposta ACR70 alla 52.ma settimana, è stata osservata nel 12.8% e nel 14.8%, rispettivamente, dei gruppi a basso e ad alto dosaggio di Sarilumab contro il 3% del gruppo placebo ( p inferiore a 0.0001 per entrambi le dosi ).

Alla scala HAQ-DI ( Health Assessment Questionnaire Disability Index ) alla settimana 16, i cambiamenti sono stati pari a -0.54 e -0.58 nei gruppi Sarilumab rispetto a -0.30 nel gruppo placebo ( p inferiore a 0.0001 ).

Nessuna progressione radiografica è stata osservata in circa il 60% del gruppo Sarilumab al dosaggio più basso e in quasi il 70% del gruppo dosaggio più alto, contro il 46% del gruppo placebo.

Gli eventi avversi sono stati più comuni nei gruppi Sarilumab. Ci sono stati 62 eventi avversi gravi nel gruppo Sarilumab 150 mg, 68 nel gruppo 200 mg, e 40 nel gruppo placebo; la maggior parte degli eventi avversi gravi consisteva nella insorgenza di infezioni.

I decessi durante la fase in doppio cieco hanno interessato due pazienti trattati con Sarilumab alla dose di 150 mg, un paziente con Sarilumab alla dose di 200 mg, e due pazienti nel gruppo placebo.
Due altri decessi si sono verificati durante la fase in aperto con Sarilumab come salvataggio. ( Xagena2014 )

Fonte: European League Against Rheumatism ( EULAR ) Meeting, 2014

Reuma2014 Farma2014


Indietro