Reumabase.it
Reumatologia
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Il trattamento con Secukinumab associato a miglioramenti prolungati dei segni e dei sintomi dell’artrite psoriasica a tre anni


Nel corso dell’Annual Meeting dell’American College of Rheumatology ( ACR ) sono stati presentati nuovi dati su Secukinumab ( Cosentyx ) hanno dimostrato miglioramenti prolungati dei segni e dei sintomi dell’artrite psoriasica a 3 anni.

Secukinumab è il primo inibitore approvato dell’interleuchina-17A ( IL-17A ), interamente umano, in grado di dimostrare una efficacia mantenuta per tre anni nei pazienti con artrite psoriasica, una malattia infiammatoria cronica che colpisce la cute e le articolazioni.

Durante il primo anno dello studio di estensione in aperto della durata di tre anni, che è una continuazione dello studio in doppio cieco di due anni riportato in precedenza, il 77% dei pazienti con artrite psoriasica ha raggiunto una risposta ACR 20 ( criteri di risposta dell’American College of Rheumatology ) con Secukinumab.
I tassi di completamento dello studio di estensione sono risultati elevati, in quanto il 95% dei pazienti ha completato il primo anno dello studio di estensione.

Questi nuovi dati hanno dimostrato che i tassi di risposta non si sono modificati nel corso del trattamento, dall’anno 1 ( 69.4% ) all’anno 3 ( 76.8% ), indipendentemente dal fatto che i pazienti avessero o meno ricevuto un farmaco anti-TNF prima di Secukinumab.
Una componente di tale valutazione era il dolore riferito dal paziente.

In precedenza, era stato dimostrato che il 79% dei pazienti con spondiloartrite trattati con Secukinumab aveva raggiunto una risposta ASAS 20 ( Assessment of Spondyloarthritis International Society ) a 2 anni.
Inoltre, dati precedenti avevano indicato che fino all’80% dei pazienti con spondiloartrite e fino all’84% dei pazienti con artrite psoriasica trattati con Secukinumab non avevano presentato alcuna progressione radiografica della patologia, a 2 anni, rispettivamente, a livello della colonna vertebrale e delle articolazioni.

Secukinumab presenta un profilo di sicurezza favorevole, in linea con quanto emerso negli studi di fase III.

FUTURE 1 è uno studio registrativo di fase III, randomizzato e controllato verso placebo, multicentrico, della durata di 2 anni diretto a valutare l’efficacia di Secukinumab nei pazienti con artrite psoriasica in fase attiva.
FUTURE 1 ha arruolato 606 pazienti e ha valutato Secukinumab con dosi di carico per via endovenosa ( 10 mg/kg ) e dosi di mantenimento per via sottocutanea ( 75 mg e 150 mg ).
L’endpoint primario era rappresentato dalla superiorità di Secukinumab rispetto al placebo nella percentuale di pazienti con risposta ACR20 alla 24.a settimana.
Dalla 16.a settimana, i pazienti del braccio placebo sono stati nuovamente randomizzati al trattamento con Secukinumab 75 mg o 150 mg alla settimana 16 o alla settimana 24, sulla base della risposta clinica.
Alla settimana 104, i pazienti potevano accedere alla fase di estensione dello studio. ( Xagena2016 )

Fonte: Novartis, 2016

Reuma2016 Farma2016


Indietro