Reumabase.it
XagenaNewsletter
Reumatologia
Medical Meeting

Brodalumab, un anticorpo anti- IL17RA, aumenta la risposta nella artrite psoriasica


Brodalumab, un anticorpo monoclonale che ha come target il recettore della interleuchina-17A ( IL17RA ) ha mostrato di essere efficace nella artrite psoriasica in uno studio multicentrico di fase II.

Tra i pazienti trattati con Brodalumab per via sottocutanea alla dose di 140 mg ogni 2 settimane, un miglioramento del 20% secondo i criteri dell'American College of Rheumatology ( ACR20 ) è stato raggiunto dal 37% dei pazienti dopo 3 mesi di trattamento ( P=0.03 ) e dal 39% di quelli a cui è stato somministrato il dosaggio di 280 mg ( P=0.02 ), contro il 18% di quelli che avevano assunto il placebo.

E alla scala DAS28 ( Disease Activity Score ), entrambi i gruppi di trattamento hanno presentato variazioni medie dei minimi quadrati dal basale di -0.7 rispetto al placebo ( P= 0.002 ).

In un precedente studio di fase II che aveva valutato Brodalumab per la psoriasi moderata-grave, oltre il 75% dei pazienti ha presentato miglioramenti significativi nei punteggi cutanei entro la 12.ma settimana.

Poiché l'artrite psoriasica colpisce quasi un terzo dei pazienti con psoriasi, è stata studiata l'efficacia e la sicurezza di Brodalumab in questa condizione reumatologica.
Sono stati arruolati 168 pazienti provenienti da 29 Centri del Nord-America.

Lo studio consisteva di una fase randomizzata in doppio cieco della durata di 3 mesi, con due diverse dosi di Brodalumab, seguita da una fase in aperto di 5 anni in cui tutti i partecipanti ricevono la dose di 280 mg di Brodalumab ogni 2 settimane.

L’età media dei pazienti era di 53 anni, la maggior parte erano donne, e quasi tutti erano di razza bianca. L’indice medio di massa corporea ( BMI ) era di 33 kg/m2, e la malattia aveva una durata media di 9 anni.

Tutti i pazienti avevano almeno tre articolazioni tumefatte e tre dolenti, e stavano assumendo dosaggi fissi di farmaci di fondo come Metotrexato e steroidi.
La metà dei pazienti aveva già ricevuto altre terapie biologiche.

Alla scala CDAI ( Clinical Disease Activity Index ), la variazione media dei minimi quadrati dal basale è stata pari a -10.6 nel gruppo Brodalumab 140 mg a 12 settimane e -11.3 nel gruppo Brodalumab 280 mg, rispetto al -4 nel gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

Alla scala PSI ( Psoriasis Symtom Inventory ), la variazione di punteggio era -8.5 nel gruppo Brodalumab 140 mg e -10.9 nel gruppo Brodalumab 280 mg, rispetto a -1.3 nel gruppo placebo ( P inferiore a 0.001 ).

I tassi di risposta hanno continuato ad aumentare dopo il periodo iniziale di 12 settimane, con risposte ACR20 riscontrate nel 51% e nel 64% dei gruppi 140 mg e 280 mg di Brodalumab a 6 mesi, e nel 44% di quelli originariamente assegnati al placebo.

Gli eventi avversi sono stati riportati nel 62% e nel 71% dei pazienti del gruppo Brodalumab a basso dosaggio e nel gruppo ad alto dosaggio, e nel 65% dei pazienti trattati con placebo.
Le più comuni reazioni avverse sono state: infezioni delle alte vie respiratorie, affaticamento, mal di testa e diarrea.
Durante la fase in doppio cieco sono stati segnalati i seguenti gravi eventi avversi: un caso di dolore addominale in un paziente trattato con Brodalumab 140 mg, un caso ciascuno di colecistite e cellulite nel gruppo Brodalumab 280 mg, e un caso di cellulite nel gruppo placebo.
Nel primo anno della fase in aperto, le infezioni delle alte vie respiratorie, la riacutizzazione della malattia, e le artralgie sono stati gli eventi avversi più comuni.
Non sono stati riscontrati gravi casi di neutropenia. ( Xagena2014 )

Fonte: European League Against Rheumatism ( EULAR ) Meeting, 2014

Reuma2014 Dermo2014 Farma2014


Indietro