Reumabase.it
Reumatologia
Xagena Mappa
Medical Meeting

Artrite reumatoide attiva: il trattamento a lungo termine con Baricitinib risulta ben tollerato


Nonostante un elevato rischio di infezione, in particolare per l'herpes zoster, Baricitinib ( Olumiant ) è risultato, in generale, ben tollerato tra i pazienti con artrite reumatoide attiva da moderata a grave con esposizione fino a 5.5 anni.

Nonostante la disponibilità di farmaci antireumatici modificanti la malattia sintetici e biologici, molti pazienti non raggiungono la remissione / bassa attività di malattia, perdita di risposta nel tempo o hanno problemi di sicurezza o tollerabilità, comprese le infezioni.

Baricitinib ha dimostrato efficacia clinica con sicurezza accettabile negli studi di fase 3.
Per comprendere appieno il profilo di sicurezza di un farmaco è necessaria una valutazione completa attraverso studi di più lungo periodo.

Per analizzare il profilo di sicurezza di Baricitinib tra i pazienti con artrite reumatoide fino a 288 settimane, i ricercatori hanno raccolto e rivisto i dati di otto studi clinici randomizzati, inclusi quattro studi di fase 3, tre studi di fase 2 e uno studio di fase 1b, e uno studio di estensione a lungo termine in corso.
Tutti i partecipanti sono stati raggruppati in uno dei quattro set di analisi in base alle dosi di Baricitinib negli studi, compreso un gruppo Baricitinb che includeva pazienti che avevano ricevuto una dose di Baricitinib durante una mediana di 2.1 anni e un massimo di 5.5 anni.

Secondo i ricercatori, i 3.492 pazienti che avevano ricevuto qualsiasi dose di Baricitinib hanno presentato una esposizione totale di 6.637 anni-paziente.
Non sono state osservate differenze nei tassi di mortalità, eventi avversi che hanno portato alla sospensione del farmaco, neoplasie, eventi avversi cardiovascolari maggiori o infezioni gravi segnalate tra i pazienti che hanno ricevuto 4 mg di Baricitinib rispetto al placebo o 4 mg di farmaco rispetto a 2 mg.
Tuttavia, infezioni come l'herpes zoster sono risultate significativamente più frequenti tra i pazienti trattati con il dosaggio di 4 mg, rispetto a quelli trattati con placebo.
La trombosi venosa profonda o l'embolia polmonare sono state segnalate tra quelli trattati con 4 mg di Baricitinib, ma non con placebo, con un tasso di incidenza di 0.5 per 100 pazienti-anno.
Questa percentuale non era differente tra le dosi di 4 mg o di 2 mg, o rispetto ai tassi pubblicati di artrite reumatoide.
Nel gruppo Baricitinib, ci sono stati sei casi di linfoma ( tasso di incidenza [ IR ] = 0.09 per 100 anni paziente ), tre perforazioni gastrointestinali ( IR = 0.05 per 100 anni-paziente ), 10 casi di tubercolosi ( IR = 0.15 per 100 anni paziente ) e 22 decessi per tutte le cause ( IR = 0.33 per 100 anni-paziente ).

Durante tutto lo sviluppo clinico, Baricitinib è risultato generalmente ben tollerato. Il rischio di infezione, in particolare per l'herpes zoster, è elevato come con altri inibitori di JAK, e i medici dovrebbero prendere provvedimenti per prevenire e monitorare tali infezioni.
I rischi a lungo termine di neoplasia necessitano di ulteriori studi, ma attualmente non vi è alcun segnale che suggerisca un aumento del rischio.
Il rischio potenziale per trombosi venosa profonda / embolia polmonare giustifica un'ulteriore caratterizzazione con dati di postmarketing. ( Xagena2018 )

Fonte: Journal of Rheumatology, 2018

Reuma2018 Farma2018


Indietro