Reumabase.it
Reumatologia
XagenaNewsletter
Medical Meeting

Analisi integrata di sicurezza per Tofacitinib nel trattamento della artrite reumatoide


Una analisi di sicurezza ha mostrato che il pattern di gravi eventi avversi con Tofacitinib ( Xeljanz ), un inibitore orale della chinasi Janus, nel trattamento della artrite reumatoide rimane stabile nel tempo e non-aumenta nel corso di una lunga esposizione al farmaco.

I tassi di incidenza di gravi infezioni ( soprattutto polmonite ) sono risultati pari a 2.57 per 100 anni-paziente tra i pazienti trattati con Tofacitinib per un massimo di 6 mesi e 1.89 per 100 anni-paziente per coloro che hanno assunto questo farmaco per più di 42 mesi.

L'analisi ha riguardato 5671 pazienti di 6 studi clinici di fase II, 6 studi di fase III, e 2 studi di estensione a lungo termine ( ancora in corso )m tra i pazienti che non avevano risposto alle terapie convenzionali o biologiche.

Alla data di cut-off ( aprile 2013 ) era stata riscontrata una esposizione al farmaco di 12.664 anni-paziente.
Il tempo mediano di esposizione era di 2.4 anni, ma 555 pazienti avevano assunto Tofacitinib per più di 4 anni.

Complessivamente, il 16.3% dei pazienti ha interrotto il trattamento a causa di eventi avversi.

I tassi di incidenza di infezione da herpes zoster sono stati pari a 4.22 per 100 anni-paziente complessivi, 4.20 per 100 anni-paziente per quelli con un massimo di 6 mesi di esposizione, e 2.11 per 100 anni-paziente per chi era in trattamento per più di 42 mesi.
La maggior parte dei casi di zoster ( 93% ) non erano gravi, e pochi pazienti hanno sperimentato herpes zoster diffusi o multidermatomali.

Altre gravi infezioni si sono verificate in misura minima, con tassi di incidenza di 0.25 per 100 anni-paziente per le infezioni opportunistiche e 0.21 per 100 anni-paziente per la tubercolosi.

Dei 26 pazienti che hanno sviluppato la tubercolosi, in 15 era tubercolosi polmonare, e due pazienti erano risultati positivi al basale.

I tassi di malignità con l’esclusione dei tumori della pelle non-melanoma sono rimasti bassi ( 0.85 per 100 anni-paziente ).
Per i pazienti trattati per un periodo inferiore a 6 mesi, i tassi di malignità erano pari a 0.70 per 100 anni-paziente, mentre i tassi per più di 42 mesi di esposizione sono stati pari a 1.04.

Linfomi e malattie linfoproliferative si sono verificati nello 0.06 per 100 anni-paziente complessivamente, e in 0.04 e 0.12 tra quelli, rispettivamente, con esposizione inferiore a 6 mesi e oltre 42 mesi.

Questi tassi erano simili a quelli riscontrati per la popolazione generale nel Programma SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ) degli Stati Uniti, dove il tasso di incidenza standardizzato ( SIR ) per neoplasie diverse dal cancro della pelle non-melanoma è pari a 1.08 e 2.58 per il linfoma, ed erano simili a quanto osservato per i pazienti con artrite reumatoide trattati con inibitori del fattore di necrosi tumorale ( TNF ).

Il tasso di eventi avversi cardiovascolari è stato di 0.46 per 100 anni-paziente.

Nessun nuovo segnale di sicurezza è emerso con l'uso a lungo termine di Tofacitinib. ( Xagena2014 )

Fonte: European League Against Rheumatism ( EULAR ) Meeting, 2014

Reuma2014 Farma2014


Indietro